"Amo te che mi ascolti, e la mia buona carta lasciata al fine del mio gioco"
A volte capita che una Valentina si perda nella posta. A volte una Valentina si perde in mezzo alla posta e arriva con settimane di ritardo. ... A volte. - Charlie Brown
Install Theme

Tu sei ciò che mi ero abituata a non pensare più.
Tu sei ciò che mi ero abituata a dimenticare.
Ciò che avevo disimparato - ad ascoltare, a guardare, a toccare, a sentire sulla mia pelle e dentro fino ai nervi, fino alle vene.
Ora mi chiedi di spiegartelo.
Ma come si fa a spiegare un respiro?

NON TUTTI SANNO CHE... →

vito:

ilaaljawzawayn:


“Continuo a incontrare israeliani che non sanno, per esempio, che controlliamo ancora il ponte di Allenby (che collega la West Bank alla Giordania), così di fatto gestendo il traffico in entrata e uscita dei palestinesi dalla Cisgiordania.

Oppure non sanno che in realtà…

(Fonte: acrob4t)

Esploratore, esploratore, non c’è niente di meglio che lasciarsi trasportare dalla poesia, intendo dire dall’associazione delle parole e delle cose: da un’arancia e un’argilla nasce quello che volevi dire in un altro modo, di sicuro meno bene.

— Gli autonauti della cosmostrada, Julio Cortázar

I latini non possedevano articolo e neppure ne avevano bisogno. Le cose di cui parlavano, si presentavano al loro occhio interno vive e immediate; udivano il nome e insieme percepivano e pensavano l’oggetto corrispondente. Popolo attivo, erano radicati col sentimento e col pensiero nel reale, più profondamente dei Greci, per i quali l’articolo era un mezzo linguistico per fissare la distanza e la prospettiva spirituale.

Haiku #292

10lustri:

Questo intuirsi
contiene il migliore
patto d’amore.

(via paolama)

Ecco che quando lei disse lentamente: “Se ne va..?” io capii che non dovevo lasciare la sua mano.
- Italo Calvino.

— (via matermorbi)

Domande senza risposta, ma intanto sognamo in modo diverso e ci piace, ci piace sempre di più.
Inutile aggiungere che appena torneremo a Parigi staremo attenti a quanto accade nell’atmosfera familiare di casa nostra; se i nostri sogni verranno meno, come temiamo, bisognerà pensare a nuove e diverse spedizioni. Il mondo è pieno di aree di sosta, in fondo, dove forse ci aspettano sogni di una tale ricchezza da valere tutti i viaggi di andata e, da una di esse, nessuno di ritorno.

— Julio Cortázar

E le allodole non sono altro che questo, celebrazione incessante, come lo siamo noi nel nostro modo più oscuro, con parole che vorrebbero anche essere musica, essere allodole.

— Julio Cortázar